Successo di visite alla Torre di Arnolfo




Arte e cultura, Eventi, Turismo | Massimo F. | 12 agosto 2012 alle 16:28

Firenze dall’alto piace ancora di più: a poco più di un mese dall’inaugurazione è boom di visitatori sulla Torre di Arnolfo, oltre 22 mila, in media quasi 600 persone al giorno, evidentemente non scoraggiati dall’affrontare, malgrado il caldo, gli oltre 200 scalini da salire per arrivare sulla cima.

 

aperta al pubblico fino al 30 settembre la torre di arnolfoLa Storia

La Torre di Arnolfo è alta circa 94 metri, non è centrata sulla facciata ma è decentrata verso il lato sud della stessa (verso destra per chi guarda frontalmente il palazzo) perché poggia su una casa-torre preesistente appartenuta ai Foraboschi detta “della Vacca” a causa del nomignolo affibbiato dai Fiorentini alla grossa campana che la sormontava (la vicina via che congiunge Piazza della Signoria a Via Por Santa Maria si chiama Via Vacchereccia sempre a causa di tale campana). La presenza della torre è ancora oggi distinguibile dalle finestre murate presenti sulla parte di facciata sottostante la torre di Arnolfo.

Il corpo della torre, oltre alle scale, presenta un piccolo vano denominato l’Alberghetto dentro il quale vennero tenuti prigionieri, tra gli altri, Cosimo il Vecchio prima di essere condannato all’esilio (1433) e Girolamo Savonarola prima di essere impiccato ed arso in piazza il 23 maggio 1498.

Il ballatoio della cella campanaria, con merli ghibellini (a coda di rondine), è sostenuto da mensoloni con archetti ogivali, sopra il quale poggia un’edicola con archi a tutto sesto sostenuti da quattro massicce colonne in muratura sormontate da capitelli a foglie. Nella cella sono attaccate tre campane:

  1. La Martinella, che richiama i fiorentini ad adunanza,
  2. La campana del mezzogiorno,
  3. La campana dei rintocchi (la più grande).

Attorno ad una delle colonne si può vedere la scaletta a chiocciola che permette di salire sulla copertura.

Sulla sommità si trova una grande banderuola (più di due metri d’altezza) a forma di Marzocco che tiene l’asta sormontata dal giglio fiorentino: si tratta di una copia, l’originale può essere ammirato in tutta la sua grandezza nel secondo cortile del palazzo.

Guardando le mensole che sostengono la balconata della torre dal basso si ha la strana sensazione che quelle d’angolo non poggino su niente, come piccole piramidi capovolte: è un curioso effetto ottico causato dalle ombre agli spigoli.

Il grande orologio fu originariamente costruito dal fiorentino Nicolò Bernardo, ma rimpiazzato nel 1667 da uno realizzato da Giorgio Lederle di Augusta e montato da Vincenzo Viviani, che è tuttora funzionante.

 

Quando possiamo andarci

Durante l’estate (fino al 30 settembre) è aperta tutti i giorni dalle 9 alle 21 (ultimo accesso 20.30, giovedì fino alle 13.30). Il biglietto della sola Torre costa 6,5 euro, 10 euro per il cumulativo con Palazzo Vecchio. Non sono previste prenotazioni. L’accesso alla Torre è sospeso in caso di pioggia. La salita non è consentita ai minori ai 6 anni e sconsigliata ai visitatori con difficoltà motorie, ai cardiopatici, agli asmatici, a chi soffre di vertigini e di claustrofobia. I minori di 18 anni devono essere accompagnati da un adulto.
Fino a fine settembre è visitabile anche la Torre di San Niccolò, aperta al pubblico lo scorso anno sempre in occasione di San Giovanni: tutti i giorni dalle 17 alle 20 (ultima partenza 19.30) con percorsi guidati in italiano e inglese (max 18 persone) ogni 30 minuti. Si consiglia la prenotazione. In caso di pioggia il servizio è annullato. La sola visita alla Torre costa 3 euro, il biglietto cumulativo con il Museo di Palazzo Vecchio 8,5 euro. Per informazioni e prenotazioni:
tel. 055-2768224 055-2768558; info.museoragazzi@comune.fi.it; www.palazzovecchio-museoragazzi.it

Tags: , , , ,

Ti è piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO!


Firenze su Facebook: ti piace? Sottoscrivi il nostro feed RSS

Citycool su Facebook





Articolo scritto da Massimo F.

Massimo F. Massimo F. Freelance, promuovo la Green Philosophy e ne seguo ogni evoluzione, dal risparmio energetico alla mobilità, ed effettuo consulenze energetiche per privati ed aziende.   Nel promuovere ho raggiunto altre esperienze ed offro cosi consulenze in ambito Web per la gestione di contenuti, social media ed online marketing, indicizzazione sui motori di ricerca e Geolocal.
Sito: http://www.socialgreenmarketing.it


Lascia un commento