E-gate: sistema di raccolta rifiuti a Pontassieve




Cronaca, Ecologia e salute, Politica | Massimo F. | 13 aprile 2011 alle 14:31

tecnologia1E-Gate è un pacchetto di servizi che permette il controllo quantitativo e qualitativo dei conferimenti del rifiuto domestico residuo prodotto da ogni singolo utente. E’ la soluzione semplice, conveniente e intelligente per passare dalla tassa alla tariffa. Le norme europee e nazionali in tema di rifiuti domesitici prevedono il passaggio dalla tassa alla tariffa, che deve essere determinata in base all’effettiva quantità di rifiuti prodotti dall’utente.
eGate ha la funzione di un contatore dei rifiuti prodotti da ogni utente: il sistema raccoglie i dati dei contenitori di ogni singolo utente, li elabora e li invia al comune per la fatturazione personalizzata. Proprio come succede per il gas o l’energia elettrica.

Chi lo sta usandotecnologia3
Nel Comune di Pontassieve i cassonetti E-Gate già attivi dalla fine del 2010 a Sieci. Ogni utente possiede una chiave che inserisce in una fessura di una calotta applicata sul cassonetto che può ricevere un sacchetto della volumetria massima di 15 lt. Tale chiave associata all’utente che ha un codice personale, aziona la calotta che si apre, permettendo il versamento del sacchetto nel cassonetto. Vista la ridotta fessura l’obbiettivo del sistema è quello di impedire l’inserimento di oggetti voluminosi perseguendo l’idea di base di sensibilizzare le famiglie a prestare più attenzione in fase di differenziazione dei rifiuti domestici, contribuendo così, ad aumentare la percentuale di raccolta differenziata.

I risultati ottenuti
A Sieci il sistema E-Gate ha registrato nei primi mesi risultati notevoli, la raccolta differenziata è arrivata al 74,27% e la produzione di rifiuti è diminuita: si è infatti passati dal 40,88 % prima dell’inserimento dei cassonetti con le calotte, al 74,27 del febbraio di quest’anno e la produzione totale di rifiuti è passata da 111.723kg, a 90.470 kg di febbraio.
A Pontassieve saranno coinvolti circa 1800 nuclei familiari e oltre 200 utenze non domestiche (negozi, uffici) per un totale di 4336 abitanti. Il progetto a Villini vedrà l’installazione di 42 calotte su altrettanti cassonetti per i rifiuti indifferenziati, sistemati nelle 27 postazioni stradali che comprendono anche gli altri cassonetti per la raccolta delle altre tipologie di rifiuto.

raccolta-differenziataIn futuro
Gli obiettivi del progetto – spiega l’assessore all’ambiente del Comune di Pontassieve Leonardo Pasquini – sono quelli di incrementare la percentuale di raccolta che nella zona dei Villini e, soprattutto, portare un generale incremento della raccolta differenziata riferita a tutto il Comune di circa 8 punti percentuali per raggiungere l’obiettivo del 65% entro il 2012.
Dal mese di settembre, l’azienda AER curerà direttamente l’informazione alle famiglie, insieme alla consegna del materiale per poter fare al meglio la raccolta domestica presso la propria abitazione. Il materiale consiste nella scatola gialla (carta), scatola azzurra (multimateriale leggero), bidoncino marrone per l’organico da 10 litri, una chiave elettronica e il materiale informativo sul funzionamento del nuovo dispositivo E-Gate .
Le utenze commerciali che presentano delle difficoltà nel conferire i rifiuti non differenziati nella calotta (apertura di dimensioni adeguate ad un sacchetto di volumetria familiare), verranno dotati di bidone (360 litri) o cassonetto rosso (1100 litri), dotati di serratura se necessario, per conferire i rifiuti singolarmente.

Tags: , ,

Ti è piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO!


Firenze su Facebook: ti piace? Sottoscrivi il nostro feed RSS

Citycool su Facebook





Articolo scritto da Massimo F.

Massimo F. Massimo F. Freelance, promuovo la Green Philosophy e ne seguo ogni evoluzione, dal risparmio energetico alla mobilità, ed effettuo consulenze energetiche per privati ed aziende.   Nel promuovere ho raggiunto altre esperienze ed offro cosi consulenze in ambito Web per la gestione di contenuti, social media ed online marketing, indicizzazione sui motori di ricerca e Geolocal.
Sito: http://www.socialgreenmarketing.it


Lascia un commento